Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro

Programma che incentiva scelte di mobilità urbana alternative all'automobile privata, anche al fine di ridurre il traffico, l'inquinamento e la sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici e delle sedi di lavoro

immagine

Il Programma sperimentale prevede il cofinanziamento del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio di progetti, predisposti da uno o più enti locali e riferiti a un ambito territoriale con popolazione superiore a 100.000 abitanti, diretti a incentivare iniziative di mobilità sostenibile (piedibus, car-pooling, car-sharing, bike-sharing), di programmi di educazione e sicurezza stradale, di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici o delle sedi di lavoro.

In collaborazione con il Consiglio delle autonomie locali e con i Comuni dell'asta del fiume Adige (Lavis, Trento, Aldeno, Besenello, Volano, Rovereto, Mori...), la Provincia autonoma di Trento ha presentato ed ottenuto il finanziamento (Decreto n.282 dd. 17.10.2017) di un progetto condiviso, da realizzarsi nel biennio 2018-2019, e destinato principalmente al potenziamento e all'estensione del servizio di bike sharing "E-motion" e alla realizzazione di iniziative atte a favorire la mobilità pedonale e con la bici (privata) nell'ambito degli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro.

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl