San Marco: bene comune

Firmato il patto di collaborazione per dare nuova vita al giardino storico

Sulla base di quanto stabilito dal regolamento che disciplina la collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani, è stato firmato in questi giorni il patto di collaborazione San Marco: bene comune.
Proponenti l'Associazione Scuola dell'infanzia A. Tambosi, l'Associazione Studio d'arte Andromeda, la Libreria Due Punti, l'Associazione culturale LinguAttiva e il Ristorante Terramia, che firmano il patto assieme al Servizio beni comuni e gestione acquisti del Comune.

Il percorso che ha portato alla definizione del patto parte nell'ottobre del 2017, quando l'Associazione Scuola Materna Tambosi pubblicizzò, attraverso vari canali tra cui quelli istituzionali dell'Amministrazione comunale, un avviso per la ricerca di idee e partner per un progetto nato da un confronto con i genitori e con l'obiettivo di proporre un percorso condiviso di cura dei beni comuni, in particolare del giardino storico di San Marco, sito in prossimità della scuola.

All'appello dell'Associazione hanno risposto diversi soggetti, accomunati dal fatto di riconoscere il giardino come bene comune, funzionale al benessere individuale e collettivo, e sono stati organizzati alcuni incontri di condivisione delle idee emerse, tenuto anche conto che l'amministrazione aveva in corso una progettazione per la riqualificazione del giardino storico San Marco, che vanta notevoli qualità architettoniche, storiche ed estetiche.

Nello scorso mese di maggio sono stati realizzati i lavori di riqualificazione del giardino e a luglio l'Associazione Scuola dell'infanzia A. Tambosi ha presentato al Comune la proposta di collaborazione denominata San Marco: bene comune,  finalizzata a rendere il giardino di San Marco un luogo vitale, animato e allegro mediante la realizzazione di momenti di animazione e di aggregazione rivolti soprattutto a famiglie e bambini.

Il Servizio beni comuni e gestione acquisti ha coinvolto nell'istruttoria il Servizio gestione strade e parchi, il Corpo di polizia locale Trento Monte Bondone e la Circoscrizione Centro stroico – Piedicastello, ottenendo una valutazione favorevole.

Con la firma ufficiale del patto le parti si propongono di:

  • promuovere i valori della cittadinanza attiva sul territorio, dell'impegno civico e della rigenerazione urbana e della cura condivisa degli spazi pubblici
  • attivarsi affinché la comunità si riappropri di un importante e centrale area verde della città, trasformandola in un luogo sicuro e aperto frequentato dai bambini, dalle famiglie e dalla collettività, prendendosene cura
  • stimolare gli abitanti e le associazioni del quartiere alla realizzazione di attività di animazione dell'area e favorire il coinvolgimento di tutti coloro che si rendano disponibili a dare il loro fattivo contributo di idee, risorse, tempo
  • favorire momenti di aggregazione e coesione sociale a beneficio dei bambini che frequentano le scuole nelle vicinanze e di quanti frequentano il giardino.

Nello specifico si prevede di:

  • collaborare all'attività di cura del verde (piantumazione e manutenzione aiuole a vasca) e presidio dell'area con la trasmissione di segnalazioni di eventuali problematiche all'Amministrazione comunale
  • realizzare attività di animazione ludico, culturale, artistica, ricreativa e musicale per rendere il giardino un posto piacevole, fruibile ed animato da bambini e da famiglie in sicurezza anche valorizzando la comunità che insiste sul territorio
  • costituire un Tavolo di lavoro permanente, convocato almeno due volte all'anno,  per definire e condividere il calendario di attività ed iniziative, valutare le iniziative proposte da altri soggetti, monitorare l'andamento del patto, verificare eventuali punti critici e problemi emersi e attivarsi per il loro superamento.

La durata del patto di collaborazione è stabilita in due anni. A conclusione del primo anno è previsto un momento di verifica e di valutazione rispetto alla realizzazione delle attività concordate.

Venerdì, 21 Dicembre 2018

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl