Ai Solteri apre Bilu, una biblio-ludoteca dove incontrarsi e fare comunità

Inaugurazione venerdì 5 aprile dalle 17.30, poi apertura tutti i lunedì dalle 10 alle 18.

La sala circoscrizionale dei Solteri, per chi non la conosce, rischia di passare inosservata. L’entrata da via Pranzelores porta, alla fine di una breve rampa discendente, in un piccolo spazio a disposizione della comunità.

È qui che venerdì 5 aprile dalle 17.30 aprirà la nuova biblio-ludoteca di Solteri, Centochiavi e Magnete.

Una sfida nata nell’ambito del progetto ConFini Comuni e raccolta da Linnea Merzagora, Elisa Prandi e Hanene Shaiek. Tre giovani donne che vengono da Milano, dall’Argentina, dalla Tunisia, abitano a Trento nord da anni e hanno scelto di mettersi in gioco per creare comunità in una comunità attiva che però soffre la carenza di spazi aggregativi, di luoghi dove ritrovarsi, condividere interessi, conoscere persone vicine ma che si incrociano solo di sfuggita per strada o nei centri commerciali della zona.

Sono quasi seimila le persone che vivono tra i Solteri, Centochiavi e il Magnete, una popolazione che raccoglie molte famiglie e molte nazionalità.

Da questo quartiere è partito l’anno scorso, in parallelo con il rione di Madonna Bianca-Villazzano3, il progetto ConFini Comuni, che punta a rafforzare le reti di prossimità e  sostenere i cittadini nell'attivarsi a favore della propria comunità.

Uno dei quattro gruppi di lavoro attivati a Solteri Centochiavi e Magnete, raccogliendo le necessità rappresentate da associazioni e gruppi di cittadini nella fase di ascolto che ha avviato il percorso, ha deciso di creare uno spazio di incontro per famiglie, bambini, ragazzi, ma anche adulti e anziani.

Da settembre si sono moltiplicati gli incontri tra Linnea, Elisa e Hanene, accompagnate e sostenute dagli operatori del progetto, dal polo sociale e dalla Circoscrizione Centro storico Piedicastello, e non sono stati pochi gli ostacoli da superare.

Grazie alla partecipazione spontanea di altri abitanti del quartiere, al sostegno dell’Associazione culturale Il Seme che ha dato un contributo per l’acquisto di libri usati della Biblioteca comunale e alla donazione dell’intero patrimonio librario di un privato, Bilu, la nuova biblioteca-ludoteca di quartiere, metterà a disposizione il lunedì dalle 10 alle 18 giochi in scatola per tutti i gusti e libri in italiano, russo, rumeno, spagnolo, inglese, francese e arabo. Se Elisa ha messo in campo la sua passione per i giochi da tavolo, Linnea, figlia d’arte, ha coinvolto anche papà Eugenio e le sue competenze di bibliotecario per catalogare e riordinare i libri. Gli espositori saranno abbelliti con quadri di artisti locali, quelli della sezione dedicata ai più piccoli sono in cartone, costruiti durante un laboratorio a cui hanno partecipato nelle settimane scorse una trentina di persone.

Da lunedì prossimo quindi ci sarà la possibilità di giocare e di leggere, ma anche di prendere in prestito un libro in questo piccolo grande spazio che ora cerca altri volontari per mettere radici e far crescere la comunità.

Immagini

Mercoledì, 03 Aprile 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl