Teatro della Meraviglia

Spettacoli con tematiche scientifiche e Augmented lecture

teatro della meraviglia

Il progetto "Teatro della Meraviglia" porta a Trento alcune fra le esperienze più interessanti di spettacolo con tematiche scientifiche presenti nel panorama nazionale: quattro spettacoli e due Augmented Lecture, che, prendendo spunto dal mondo della scienza, vanno ad esplorare l’impatto che questa ha con l’essere umano e rappresentano una maniera “laterale” ma molto efficace di parlare di scienza al grande pubblico.
Organizza: Dipartimento di Fisica di Trento e Teatro Portland

PROGRAMMA:

Lunedì 18 Febbraio 2019 ore 20.00
Martedì 19 Febbraio 2019 ore 15.45
Augmented Lecture
PANDEMIE
Di e con Giorgio Guzzetta, Fondazione Bruno Kessler
Video artist Valerio Oss
Hanno fatto da sfondo a capolavori della letteratura. Hanno cambiato il corso delle guerre. Hanno decimato generazioni fin dall'alba dell'umanità. Sono le pandemie, ovvero malattie infettive trasmesse su scala globale. Da dove nascono? Come mai a un certo punto rallentano o scompaiono? Cosa si può fare per evitarle, o almeno per fermarle il prima possibile?

Lunedì 18 Febbraio 2019 ore 21.15
Martedì 19 Febbraio 2019 ore 17.00
Augmented Lecture
HYPERVISION
Di e con Tommaso Rosi, Dipartimento di Fisica, Università di Trento
Musiche composte e suonate dal vivo da Giovanni Formilan
Viaggio in realtà aumentata alla scoperta della visione dell’Homo Sapiens Sapiens e di altri animali del pianeta Terra.

Mercoledì 20 Febbraio 2019 ore 20.45
Spettacolo
Associazione Sosta Palmizi e I Nuovi Scalzi
COSTELLAZIONI. PRONTI, PARTENZA… SPAZIO!
Una creazione di Savino Italiano, Olga Mascolo, Anna Moscatelli e Giorgio Rossi
ideazione coreografica e direzione artistica Giorgio Rossi
interpreti Savino Italiano, Olga Mascolo e Anna Moscatelli
disegno luci Andrea Margarolo
esecuzione tecnica Piermarco Lunghi, Tea Primiterra
oggetti di scena Bruno Soriato
Uno spettacolo dedicato alla scoperta dell’Universo. Un viaggio fantasioso e giocoso che parte dalla Terra per spingersi verso le stelle. Dopo anni e anni di studi e osservazioni dello spazio, finalmente l’invenzione del secolo: la Carrozzina Spaziale per partire alla ricerca di un luogo simile alla Terra. Attraverso questo viaggio fra pianeti e corpi celesti potremo vivere la danza delle Costellazioni. In maniera giocosa, ironica e poetica il viaggio si trasformerà un invito ad avere più cura del nostro mondo.

Giovedì 21 Febbraio 2019 ore 20.45
Spettacolo
Centro Teatrale MaMiMò
COPERNICO NON CI CREDEVA
uno spettacolo di Rocco Gaudenzi e Pablo Solari
con Andrea Delfino
“Nella prefazione alla sua opera più famosa, il “De revolutionibus orbium coelestium”, emerge come il famoso astronomo dubitasse delle sue stesse intuizioni, quasi incriminandosi e scusandosi per essersi ritrovato a dimostrare una tanto assurda tesi: la terra non è il centro dell’universo.
In un percorso che mette lo spettatore nei panni di un scienziato, lo avvicineremo a teorie e retroscena del mondo scientifico. Durante il percorso, attraverseremo il pensiero di grandi rivoluzionari prima che il mito li trasformasse in personaggi: Cusano, Galilei e soprattutto Copernico, del quale analizzeremo, con occhio attento ed ironico, la prefazione all’opera.
Attraverso i concetti assimilati daremo una lettura critica del mondo contemporaneo, l’era della rivoluzione digitale, ponendo particolare attenzione alla diffusione libera di dati e informazioni, cosiddetti open data; e scopriremo come non naufragare in questo mare di informazioni.

Venerdì 22 Febbraio 2019 ore 20.45
Spettacolo
PACTA . dei Teatri
LEONARDESCO E SFUMATO
esperienze e artifizi
del Collettivo Mettere per ordine alli lochi loro
con Riccardo Magherini e Maria Eugenia D’Aquino
spazio e lighting design Fulvio Michelazzi
musiche originali Maurizio Pisati
In occasione dei 500 anni dalla morte del grande maestro Leonardo Da Vinci, uno spettacolo/performance, in cui, intorno alle visioni rivoluzionarie del grande genio si intersecano lighting design, musica, colore, scienza e teatro.

Sabato 23 Febbraio 2019 ore 20.45
Spettacolo
Nuove Cosmogonie Teatro
L’UOMO CHE PESÒ IL MONDO
In memoria di Joseph Scicluna
di Katia Capato e Joseph Scicluna
con Katia Capato
regia di Katia Capato
da un’idea di Massimo Arattano e Albertina Gatti
consulenza scientifica: SAPERCAPIRE
Sarà il maggiordomo Fred, con il suo forte accento inglese, ad introdurci furtivamente nel laboratorio di Henry Cavendish, scienziato eclettico che, sul finire del ‘700, determinò sperimentalmente il peso del nostro pianeta. Vedremo Cavendish applicarsi affannosamente ai suoi esperimenti con quel suo strano modo di fare che studiosi contemporanei hanno riconosciuto essere imputabile ad una forma di autismo: la sindrome di Asperger.
Conosceremo personalmente anche altri scienziati: Newton, Keplero e Tycho Brahe. Giganti della cultura scientifica che racconteranno aspetti della loro vita facendoci così osservare la Scienza in modo divertente, comprensibile ed umano.

Posizione gps

Come arrivare

Contatto email
Contatto telefonico
0461 924470
Costi
da 5 a 13 euro - https://toptix1.mioticket.it
Materia
Scienza e tecnologie, Teatro
Struttura ospitante

Lunedì, 18 Febbraio 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl