Fermata un'auto con due donne a bordo: trovati arnesi da scasso

E' scattata la denuncia per possesso ingiustificato di strumenti di effrazione e porto abusivo d'armi. La macchina era senza assicurazione da oltre sei mesi

Nel pomeriggio di ieri 31 gennaio una pattuglia impegnata nel servizio di polizia stradale ha fermato un veicolo con a bordo due donne. Dal controllo è emerso che l'auto era di proprietà di un uomo residente a Torino ed era priva di copertura assicurativa da oltre sei mesi; inoltre la a conducente non aveva con sé la patente di guida. Le due donne, entrambe di origini croate ma domiciliate a Torino, hanno fornito indicazioni vaghe e contraddittorie sulle ragioni della loro presenza sul territorio comunale. Già insospettiti, gli agenti della polizia locale si sono allarmati quando, in seguito alla richiesta di esibire la carta di circolazione, hanno visto sporgere dal vano portaoggetti un cacciavite e una forbice di grandi dimensioni. Considerato l'aumento di furti in appartamento nel centro cittadino e nei sobborghi, gli attrezzi trovati e il comportamento sospetto delle due donne, gli agenti hanno compiuto alcune verifiche, scoprendo che entrambe le donne avevano una lunga serie di precedenti per reati contro il patrimonio.

Con l'ausilio di pattuglia della locale Questura, intervenuta a supporto, il veicolo è stato sottoposto a perquisizione. Nel veicolo sono stati trovati cinque cacciaviti, due dei quali erano palesemente non usati, lunghi circa 35 cm, una grossa forbice, una chiave inglese e due paia di guanti.

Condotte in Questura le due donne sono state sottoposte a perquisizione e a fotosegnalamento, in quanto sussistevano dei dubbi sui documenti di identità esibiti. Nella borsetta della conducente è stata trovata una bomboletta spray al peperoncino, priva di scritte in italiano, senza sistema di sicura e con una gittata superiore a quella prevista dalla vigente normativa. Tali difformità la rendono equivalente ad un'arma che non può essere detenuta in assenza di autorizzazione, per cui la donna è stata denunciata a piede libero per porto abusivo d'arma. Entrambe sono state segnalate all'Autorità Giudiziaria per il possesso ingiustificato, da parte di persone già condannate per reati specifici, di strumenti atti ad aprire o forzare serrature.

Il veicolo è stato posto sotto sequestro e alla conducente sono state contestate le violazioni al codice della strada per la circolazione con veicolo privo di copertura assicurativa (868 euro), per il rifiuto a prendere in custodia il veicolo (1.875 euro) e per guida senza avere con sé la patente (26 euro).

Venerdì, 01 Febbraio 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl