Trento informa - puntata 14

Il nuovo restauro della Torre civica, il servizio micologico in piazza Vittoria, la polizia locale cerca volontari per il servizio di sorveglianza all'entrata e all'uscita delle scuole, "Il nome della rosa" sarà il libro della città per il 2018, una mostra per celebrare i 200 anni della bicicletta.

Rinasce la Torre civica

Due anni fa un violento incendio distrusse completamente le strutture in legno tra l'ottavo e l'undicesimo piano della Torre civica, facendo crollare anche la campana della Renga. Ora il Comune ha approvato il progetto esecutivo di restauro dell'edificio di piazza Duomo finalizzato  non solo a ripristinare il funzionamento degli orologi e il suono della campana, ma anche a riaprire la torre al pubblico.

Giuliano Franzoi, Dirigente Sevizio Edilizia Pubblica Comune Trento: Verrà realizzata soprattutto una nuova scala di ascesa in acciaio, che va dall'ottavo all'ultimo livello. Questo permetterà sia di salire alla Torre per le eventuali manutenzioni dell'ultimo piano ma soprattutto permetterà in futuro di riproporre le visite guidate come precedentemente fatto, ma in maniera più sicura e più agevole.

Grazie alla nuova scala si potrà avere una vista panoramica a 360 gradi sulla città di Trento.
Verranno effettuati lavori di adeguamento statico e sismico con nuovi impianti, da quello elettrico a quello antincendio fino ad un sistema di illuminazione a led in grado di abbellire la torre con diverse colorazioni. La Renga, irreparabilmente danneggiata, non potrà tornare al suo posto. L'importo dei lavori che dovrebbero iniziare a fine 2017 e durare un anno è di 273mila euro.

I consulenti dei funghi

Con l’inizio della raccolta dei funghi nei boschi, ha riaperto i battenti in piazza Vittoria la casetta voluta dal Comune di Trento come punto informativo sulla commestibilità dei miceti.
Se siamo convinti di saper riconoscere porcini e finferli, l’attenzione non è mai abbastanza visto che in Trentino ci sono diecimila specie di funghi diversi e l’errore è dietro l’angolo.

Franca Valcanover – Micologa Apss: Gli errori più frequenti sono la confusione fra funghi sosia fra di loro che possono causare anche problemi veramente seri, dal trapianto di fegato alla dialisi a vita.

Il servizio, gratuito e molto apprezzato dalla cittadinanza, è stato gestito per quasi sessant’anni da personale specializzato della polizia municipale. Dallo scorso anno, a causa della necessità di concentrare gli agenti sul presidio del territorio, il Comune ha stilato un protocollo d’intesa con gli esperti dell’Azienda sanitaria e del gruppo Micologico Bresadola.
Il servizio è attivo fino al 30 ottobre nelle giornate di lunedì, giovedì e sabato, dalle 8 alle 10, ad esclusione dei giorni festivi.

Marco Donini – Presidente Gruppo Micologico G. Bresadola: Un'avvertenza per il raccoglitore dei funghi è ovviamente quella di portare i funghi al posto di consulenza in piazza Vittoria il più presto possibile dalla raccolta. Questi funghi vanno non tenuti in un contenitore chiuso, quindi in un sacchetto di plastica, l'abominevole sacchetto di plastica, la devono essere raccolti in un contenitore rigido e areato, tenuti in frigorifero per il tempo necessario per arrivare poi alla consulenza e portati al punto di consulenza. I funghi vanno portati tutti, non solo un esemplare per vedere se quello è buono.

Se giudicati non commestibili i funghi non potranno in nessun caso essere restituiti al proprietario e andranno distrutti alla presenza dell’ispettore micologico.

Dalla parte degli scolari

Il comune di Trento  ha aperto un bando rivolto a enti di volontariato e promozione sociale che possano fornire personale che garantisca una sicura entrata e uscita da scuola degli alunni degli istituti primari.
Un tempo c’erano i nonni vigile scelti direttamente dalla polizia municipale, ora questo sistema non è più possibile e così la prospettiva si allarga coinvolgendo le associazioni che operano sul territorio.

Lino Giacomoni – Comandante polizia municipale Trento: Noi abbiamo bisogno di ventinove persone se volessimo coprire come facevamo con i nonni vigile tutti gi incroci e gli attraversamenti.

Si richiede una presenza giornaliera di un volontario per ciascuna postazione per cinque giorni in settimana durante  l’intero anno scolastico nella mezz’ora a cavallo dell’inizio e della fine delle lezioni.
L'amministrazione si preoccuperà di fornire ai partecipanti la dovuta formazione e attrezzatura.
All’associazione, che deve assicurare i propri associati impegnati nel servizio, verrà corrisposto un importo forfettario di 4 euro per ogni presenza.
C’è tempo fino al 31 luglio per presentare la domanda per il prossimo anno scolastico consegnandola presso il comando della polizia municipale di via Maccani o inviandola tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o da casella di posta elettronica certificata.
La priorità verrà data a chi opera nella circoscrizione interessata e all’ordine di presentazione della richiesta. La scelta dell’amministrazione avverrà entro il 31 agosto.

Trento nel nome della rosa

È “Il Nome della rosa”  il libro vincitore del referendum letterario “Un libro, una città”.
Partita quando Trento era ancora in corsa per diventare capitale italiana della cultura, l’iniziativa è proseguita anche se il traguardo è stato solo sfiorato e così nel 2018  il romanzo di Umberto Eco sarà il filo conduttore di iniziative che coinvolgeranno i lettori trentini in un’esperienza collettiva che ha pochi simili in Italia.
Dal giallo alla religione, dalla storia alla filosofia: con i suoi diversi piani di lettura, il libro pubblicato nel 1980, ben si presta ad essere al centro di scambi di idee, adattamenti per i più piccoli, declinazioni in diversi linguaggi, dal teatro alla musica.
Sono state oltre cinquemila le persone che hanno partecipato al referendum nelle apposite urne fino alla maratona di lettura delle Feste Vigiliane in cui “Il nome della rosa” ha battuto il suo ultimo avversario ossia “Le città invisibili" di Calvino.
In attesa del 2018, l’iniziativa, volta a promuovere la lettura e a riscoprire i classici, un obiettivo lo ha già ottenuto visto che i libri in concorso hanno avuto un’impennata di prestiti nelle biblioteche e di vendite in alcune librerie della città.

Buon compleanno bicicletta!

Fino a domenica il Muse ospita una mostra dedicata ai 200 anni della bicicletta.
L'esposizione, in concomitanza con la Charly Gaul, è organizzata in collaborazione con la Fondazione Museo Storico.

Siamo in chiusura. Vi ricordiamo che potrete rivedere la puntata sul sito del Comune di Trento e su quello di Rttr La Televisione, alla voce Programmi.

Durata
6'33''

Venerdì, 07 Luglio 2017 - Ultima modifica: Lunedì, 17 Luglio 2017

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2017 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl