Trento informa - puntata 15.9.2017

Un piano partecipato per la città, al via il progetto di defibrillazione veloce in città, il gioco della mobilità sostenibile e le nuove modalità di pagamento delle mense scolastiche.

Un piano di squadra per la città

Immaginare e mettere su carta la Trento del futuro è un lavoro di squadra.
Comune, Università e Ordini professionali hanno sottoscritto un protocollo di intesa per la revisione del piano regolatore generale della città.
Il gruppo, che conta dodici componenti, quattro per ognuno dei tre soggetti, è già all'opera dallo scorso maggio: la prima fase ha riguardato la verifica dello stato dell'arte della pianificazione vigente e della situazione urbana attuale.
L'intesa definisce meglio i ruoli della squadra che dovrà arrivare a tradurre gli indirizzi politici in obiettivi operativi. Infine, i tecnici del Comune avranno la responsabilità operativa, oltre che giuridica, della redazione del nuovo piano.
Si tratta di un'impostazione nuova e più partecipativa rispetto a quella classica in cui si affida al solo urbanista il disegno della città.
L'Università mette a disposizione le proprie risorse e gli stimoli degli studenti, gli ordini professionali (architetti, ingegneri, geologi e agronomi forestali) le loro competenze in una visione a 360 gradi.

Susanna Serafini, presidente Ordine architetti provincia di Trento: Un tavolo molto interessante anche dal punto di vista interdisciplinare, ci sono molte competenze a questo tavolo quindi è un tavolo molto ricco di conoscenze, di competenze.

Non si tratta comunque di un gruppo chiuso: sui singoli temi potrà aprirsi al contributo di altri esperti, inoltre sono previsti  percorsi partecipativi e la costituzione di un Urban center, luogo di confronto sulla pianificazione aperto ai cittadini.

Un defibrillatore a palazzo Thun

Avere a disposizione gli strumenti per affrontare le emergenze è fondamentale per la salute delle persone.
Per questo il Comune di Trento ha deciso di avviare un progetto per la defibrillazione precoce in città implementando la legge nazionale che prevede la presenza dei defibrillatori solo per le attività sportive.
Per far battere il cuore della prevenzione è indispensabile l'aiuto di tutti.
Per questo è stato prezioso il contributo del Lyons Club Trento del Concilio che ha donato un defibrillatore automatico esterno, facendosi carico della manutenzione per i primi quattro anni. Il dispositivo, fornito di istruzioni e collegato alla centrale unica di emergenza provinciale, è stato collocato nel cortile interno di Palazzo Thun in via Belenzani.
Attualmente sono dotati di defibrillatori gli impianti sportivi della città, con ottantadue impianti già in dotazione e novantacinque addetti formati. Diciassette defibrillatori sono in dotazione alla polizia locale. A breve verranno forniti dal servizio sanitario provinciale  cinque dispositivi che verranno collocati negli edifici comunali di maggior afflusso di pubblico con la formazione di alcuni dipendenti.
Un bando comunale prevede la collocazione di almeno dieci defibrillatori in centro storico.
Il numero unico di emergenza provinciale 112 dispone dell'elenco di tutti i defibrillatori presenti in città e verrà creata una app che permetta di trovarli velocemente.

Il gioco della mobilità sostenibile

Scegliere i mezzi pubblici o la bicicletta per spostarsi fra Trento e Rovereto e nelle due città.
I due comuni più grandi del Trentino da tempo lavorano sul fronte della mobilità sostenibile e gli abitanti hanno cominciato a cambiare le loro abitudini.
Per convincere un numero sempre maggiore di persone ritorna il gioco V”. Il gioco durerà fino a marzo del prossimo anno.
Si basa sull'utilizzo di una applicazione per smartphone sviluppata dalla Fondazione Bruno Kessler con soluzioni di mobilità alternativa all'auto privata.
Il cittadino che pianificherà il proprio itinerario con Viaggia Play & go verrà invitato a scegliere tra le possibili offerte di spostamento anche integrate ad esempio bus e camminata o treno e bicicletta; il sistema avrà cura di incentivare le combinazioni più sostenibili assegnando punti che determineranno una classifica globale e settimanale.

Laura Cattani, ufficio mobilità Comune di Trento: La sfida è quella di sostenere degli spostamenti il più sostenibili possibile e quindi guadagnare dei punti e mettersi in competizione con se stessi prima di tutto e poi anche con gli altri partecipanti.

Come in tutte le sfide che si rispettano sono previsti dei premi. Al primo classificato e ad estrazione ai primi 50 della classifica settimanale verranno consegnati abbonamenti per stagioni sportive o biglietti per eventi culturali. I vincitori finali, a marzo, potranno aggiudicarsi una vacanza oppure abbonamenti in palestra, in piscina, al car sharing e altri premi all'insegna del vivere sostenibile. Alcuni meccanismi sono stati semplificati rispetto alle scorse edizioni e ci sono alcune novità come il diario di bordo.
L'anno scorso il 30 per cento di chi ha partecipato al gioco ha usato un mezzo che non aveva mai utilizzato.

Annapaola Marconi, Smart Community Fbk: Come nelle edizioni precedenti i dati, chiaramente anonimizzati e in forma aggregata, costituiranno un tesoro per le nostre amministrazioni, infatti si è già visto come 21mila itinerari tracciati e validati dal sistema su una città piccola come Trento possano fornire delle informazioni molto utili a chi gestisce i sistema mobilità nelle nostre città.

Mense: si cambia

Cambia il sistema di pagamento delle mense scolastiche.
Con l'anno 2017/2018 è partita l'informatizzazione delle modalità di pagamento per chi utilizza il servizio di ristorazione negli istituti primari, secondari e della formazione professionale.
In sostanza i buoni cartacei vengono sostituiti da buoni virtuali tramite l'acquisto di un credito mensa che verrà aggiornato automaticamente dalla scuola ad ogni pasto consumato e che i genitori possono verificare.
I buoni virtuali possono essere ricaricati in banca o su un apposito portale tramite un codice personalizzato.
La Comunità Valle dei Laghi, capofila del progetto che riguarda anche il Comune di Trento, sta distribuendo agli utenti una nota con tutte le informazioni.
Per saperne di più è possibile consultare l'apposita pagina sul sito del comune di Trento nella sezione servizi all'infanzia e istruzione.

In chiusura vi ricordiamo che potrete rivedere questa puntata sul sito del Comune di Trento e su quello di Rttr La Televisione.

Durata
6'08''

Venerdì, 15 Settembre 2017 - Ultima modifica: Venerdì, 29 Settembre 2017

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2017 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl