Trento informa - puntata 2 febbraio 2018

Il Comune cerca partner per un progetto europeo di riqualificazione dell'area ex Atesina, si estende ai sobborghi la rete wi-fi e il sistema di videosorveglianza, passaggio di competenze in materia di impianti pubblcitari, la guida eventi pubblicata anche in versione cartacea.

Sfida europea per l'ex Atesina

Il Comune di Trento cerca partner istituzionali e privati per vincere la sfida europea che mette in palio fino a 5 milioni di euro per un progetto innovativo sul tema dell'adattamento al cambiamento climatico e dello sviluppo sostenibile.

La concorrenza per accedere al bando europeo è agguerrita e i tempi sono stretti visto che ci si può candidare fino al 14 febbraio e che il 30 marzo è il termine ultimo per presentare il progetto.

Il lavoro non parte comunque da zero. Il Comune ha  infatti già individuato l'ambito di intervento ossia l'area ex Atesina nel quartiere Solteri-Centochiavi. I 17 mila metri quadri una volta occupati dall'azienda di trasporto pubblico dovrebbero trasformarsi  in una infrastruttura urbana resiliente al clima con un'area verde multifunzionale, spazi per l'abitare collaborativo, una piazza coperta, collegamenti pedonali e ciclabili e una zona sportiva.

Ai partner si chiede di progettare sistemi di ottimizzazione energetica delle superfici e di adottare  tecnologie che consentano il risparmio idrico ed energetico, l'abbattimento delle emissioni nocive e la gestione innovativa dell'acqua.
I partner dovranno garantire un cofinanziamento per la quota parte del progetto nella misura minima del 20 per cento, esclusa l'area sportiva. Tutte le informazioni si trovano sul sito del Comune.

Telecamere e wi-fi, si estende la rete

La rete delle telecamere di videosorveglianza si estende per garantire una maggiore sicurezza anche nei sobborghi di Trento.

Fino ad un paio di anni fa i dispositivi venivano installati su disposizione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica solo nelle zone coperte da fibra ottica o da rete wi-fi che consentono la trasmissione dei dati. In sostanza il sistema era limitato al centro città.

Adesso la rete dati comunale si è allargata rendendo possibile un piano che prevede di installare 115 nuovi occhi elettronici nei sobborghi nel giro di tre anni per una spesa di 495mila euro. Entro il 2019 il capoluogo sarà dotato di 600 telecamere.

Il piano rispetta le leggi sulla privacy, prevede che i dispositivi siano collegati con le centrali delle forze dell'ordine e che siano installati in zone sensibili come parchi, piazze e parcheggi.

Bruno Delaiti, Dirigente Opere Urbanizzazione Primaria Comune Trento: l'obiettivo finale è quello...02.36.18 per avere un controllo delle forze dell'ordine sulla città.

Le prime 45 telecamere sono già state installate da Ravina a Canova, da Piedicastello alla collina est passando per la Vela. Altre 35 saranno sistemate entro giugno a Gardolo, Meano, Romagnano, Villazzano, Povo, Oltrecastello e Mattarello. Le ultime 35 saranno posizionate entro la metà del 2019 a Cadine, Gazzadina, Montevaccino, San Donà, San Rocco, Sopramonte, Valsorda, Vigo Meano e Vigolo Baselga.

L'estensione della rete wi-fi permetterà anche di collegarsi a internet tramite la rete comunale con l'installazione di 50 nuovi accessi nelle zone oggetto della videosorveglianza. Basta iscriversi al servizio secondo le indicazioni che si trovano sul sito del Comune.

Impianti pubblicitari alla polizia locale

Con il mese di febbraio le competenze in materia di autorizzazioni per insegne e impianti pubblicitari permanenti su suolo privato o edifici sono state  trasferite dal Servizio attività edilizia del Comune al Corpo di polizia locale.

Lino Giacomoni, Comandante Polizia Locale Trento Monte Bondone: i privati che intendono...-02.37.19 al venerdì

Il Comando della Polizia locale si trova in via Maccani 148. È possibile anche inviare una domanda tramite pec. Informazioni e moduli si trovano sul sito del Comune di Trento.

Eventi: la guida si fa in due

La guida che contiene tutte le informazioni per l'organizzazione di eventi sul suolo pubblico comunale non è più solo in forma digitale, ma anche cartacea.

È stata stampata in 500 copie e si può trovare presso le Circoscrizioni e l'Ufficio Relazioni con il Pubblico. Inoltre è possibile scaricarla in formato pdf dal sito del comune di Trento.

Dopo l'introduzione del modulo unico per gli adempimenti comunali, si tratta di un ulteriore passo avanti per semplificare la vita a chi organizza manifestazioni e rischia di rimanere impigliato nelle maglie della burocrazia.
Per tutti gli aggiornamenti si consiglia di consultare la guida on line, ma la recente pubblicazione contiene già le ultime novità.

Tra queste la possibilità di richiedere l'utilizzo delle torrette elettriche comunali per iniziative di natura non commerciale e la possibilità di richiedere lo spegnimento degli impianti di illuminazione pubblica comunale in caso di manifestazioni ed eventi per i quali è stata richiesta la concessione di occupazione temporanea di suolo pubblico.

In chiusura vi ricordiamo che potrete rivedere questa puntata sul sito del Comune di Trento e su quello di Rttr La Televisione.

Durata
5'35''

Venerdì, 02 Febbraio 2018

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2018 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl