Martedì 20 novembre è la Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

La città di Trento ricorda la ricorrenza dell'approvazione, da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.

Lunedì 19 novembre alle 17 in consiglio comunale è in programma un incontro con i ragazzi dei parlamentini delle scuole medie che presenteranno le loro azioni dentro le scuole e le prime ipotesi all'interno del progetto Stra.bene, con azioni di cura del bene comune.

Martedì 20 novembre torna la gara A scuola senz'auto, organizzata nell'ambito del  progetto Bambini a piedi sicuri.

Il Comune partecipa inoltre martedì 20 novembre all'evento speciale organizzato dal Muse con numerose realtà del territorio e ingresso gratuito al pubblico

Il servizio servizi all'infanzia, istruzione e sport, assieme agli enti gestori dei nidi comunali offriranno durante tutta la giornata uno spazio gioco per bambini da 0 a 6 anni insieme ai loro genitori, con la presenza delle educatrici e dei pedagogisti dei servizi per la prima infanzia comunali. Lo spazio gioco Esplorare, scoprire, costruire sarà aperto dalle 11 alle 19: un'occasione per fare esperienze di gioco con materiali naturali e di recupero, tane e costruzioni.

Inoltre verranno proposte microconferenze sui temi educativi della cura delle relazioni e dei linguaggi espressivi:

alle 15.50 Prendersi cura delle relazioni
I bisogni dei bambini e il ruolo degli adulti, uno spazio di ascolto e confronto sui bisogni educativi dei bambini da 0 a 3 anni e sul ruolo degli adulti

alle 17.30 Creatività in gioco
Dialoghi sui linguaggi espressivi dei bambini da 0 a 6 anni, a cura dei servizi integrativi Centro Genitori e Bambini e Giocastello, in collaborazione con la cooperativa Proges-Trento.

Alle 15 sarà protagonista l'ufficio politiche giovanili con Kids in town.
Durante la microconferenza verranno presentati i progetti Giocastudiamo, A piedi sicuri, Renderino, Verso una città amica dei bambini e degli adolescenti.

Il servizio attività sociali, e il Tavolo 0-18 in particolare, propongono diversi appuntamenti:

dalle 17 alle 18 Datti una mano. Il diritto di chiedere aiuto
Un laboratorio per ragazzi dai 16 ai 18 anni, dove sono presenti, oltre ai giovani testimoni che hanno chiesto e/o ricevuto aiuto dai servizi sociali, anche un educatore e un assistente sociale. L'idea è quella di stimolare ragazzi e ragazze a riconoscere e ad accettare situazioni di fatica incontrate nel loro quotidiano vivere (aiutarli a guardare le proprie paure o quelle dei propri compagni), a sviluppare il sentimento di solidarietà verso gli altri e a far conoscere i servizi sociali ed educativi per uscire da stigmi ed etichette.

dalle 18 alle 19 Machil'hadettoche? racconti di diritti e doveri
Un genitore, un figlio, un assistente sociale, un educatore raccontano la propria esperienza di alchimia all'interno di una relazione di aiuto. I quattro protagonisti propongono, attraverso la narrazione di un episodio di vita, un'occasione di riflessione e uno sguardo sulle persone e promuovere così una cultura attenta alle relazioni e alla fiducia, dove "diritti e doveri"non hanno confini distinti e marcati, ma si intrecciano e appartengono al vivere quotidiano.

Dalle 15 alle 19 la mostra dei diritti racconta, grazie ai disegni degli alunni di alcuni istituti comprensivi e istituti superiori della città, la Convenzione che è stata divisa in otto grandi temi: #drittiaidiritti, #amàti, #io=te, #noixvoi, #partecipa, #senzapaura, #crescinelverde e #ioesco. Ad essa sono collegate delle attività laboratoriali legate agli otto hashtag; divise per fasce di età.
Ogni tema, presentato con la semplicità e l'immediatezza dei disegni vincitori del concorso, può essere approfondito grazie a una guida on-line che contiene una breve presentazione dei temi, gli articoli della Convenzione relativi ad ogni hashtag, otto interviste ad altrettanti esperti, un glossario e una sitografia. La guida può essere scaricata dal sito www.trentogiovani.it oppure consultata direttamente dai parchi grazie al QR Code presente sui singoli pannelli.

In occasione della ricorrenza verrà ufficialmente lanciato il concorso musicale Ma lo sai che...puoi cantare i tuoi diritti? per l’ideazione, composizione ed esecuzione di brani musicali/canori inerenti ai contenuti della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. In particolar modo il diritto dei bambini al miglior sviluppo possibile: essere aiutati a crescere sviluppando nel miglior modo possibile le proprie potenzialità fisiche, mentali, spirituali, morali e sociali come esplicitato particolarmente negli articoli 6 (diritto alla vita e allo sviluppo), 24 (diritto alla miglior salute possibile) e 29 (diritto all’educazione) della CRC.
Il concorso è rivolto alle scuole di ogni ordine e grado e alle realtà educative che hanno sede nel Comune di Trento, ai gruppi musicali composti da studenti, gruppi o singoli esterni alla scuola ma in età scolastica (3-19 anni)

Per il programma completo della giornata visita il sito del MUSE

Giovedì, 15 Novembre 2018 - Ultima modifica: Venerdì, 16 Novembre 2018

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl