Il fascino di una città dipinta

Trento deve il suo fascino di città dipinta al famoso Concilio, grande evento della Cristianità che qui si svolse dal 1545 al 1563 e che la trasformò in una capitale europea con centinaia fra cardinali, prelati, ambasciatori, nobili, tutti accompagnati da seguiti sfarzosi. Fu l'occasione, questa, per un rinnovamento urbano senza precedenti, che dette alla città un'impronta rinascimentale che ancora oggi la caratterizza. Questo itinerario tematico conduce quindi attraverso i luoghi cruciali del Concilio: si parte dal Castello del Buonconsiglio, ai tempi luogo per eccellenza del potere, delle arti e delle feste e si prosegue verso il Convento di San Marco, dove dimoravano i principali esponenti dell'Ordine Agostiniano, per poi addentrarsi nel centro storico per apprezzare la Chiesa di Santa Trinità, da cui partì la processione che inaugurò l'assise, la massiccia Torre del Massarello-dove dimorò l'omonimo Segretario delle sedute del Concilio, e l'elegante Palazzo Roccabruna, ai tempi del Concilio preso in affitto dal conte di Luna ed ora Casa dei Prodotti Trentini. Il percorso tocca la Casa Cazuffi-Rella, con la facciata affrescata più importante della Trento rinascimentale, la Cattedrale di San Vigilio, sede delle sessioni ufficiali di cui rimane ancora oggi il Crocefisso nell'omonima cappella, Palazzo Thun, all'epoca una delle principali residenze gentilizie della città, la Basilica di Santa Maria Maggiore, dove si tennero le principali congregazioni, ed infine Palazzo delle Albere, residenza extraurbana che ospitò banchetti e tornei per l'occasione. Tra le testimonianze iconografiche dell’assise tridentina, vi sono due tele settecentesche raffiguranti l’apertura e la chiusura del Concilio nella cattedrale di San Vigilio e un dipinto del 1633 raffigurante una congregazione generale in Santa Maria Maggiore; queste preziose testimonianze pittoriche sono custodite presso il Museo Diocesano Tridentino.

Venerdì, 05 Luglio 2019 - Ultima modifica: Giovedì, 01 Agosto 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl