La basilica paleocristiana di San Vigilio

Sotto la cattedrale di Trento è possibile visitare lo spazio archeologico dell'antica basilica paleocristiana di San Vigilio, un edificio di notevoli dimensioni eretto al di fuori della cinta urbica romana presumibilmente verso la fine del IV secolo dc.

foto di Luisella Decarli

L’antico luogo di culto, riscoperto solo negli anni settanta del Novecento e recentemente arricchito da video, postazioni multimediali e visori per la realtà virtuale immersiva, ha ospitato per secoli le spoglie del patrono della città. L'edificio deve la sua prima origine alla sepoltura dei santi Sisinio, Martirio e Alessandro, uccisi in Val di Non dai pagani il 29 maggio 397. L'antico luogo di culto, che da principio aveva il ruolo di basilica cimiteriale, divenne chiesa cattedrale tra il IX e il X secolo, quando nelle sue immediate vicinanze fu trasferito il palazzo vescovile. Nel corso dei secoli la chiesa subì alcune significative modifiche strutturali, tra cui l'aggiunta di due sacelli laterali absidati, la divisione dell'aula in tre navate e la realizzazione di una cripta con conseguente rialzo della zona presbiterale. Gli ultimi interventi furono conclusi dal vescovo Altemanno, che nel 1145 riconsacrò questa chiesa, destinata ad essere sostituita nel XIII secolo dall'attuale Cattedrale. Sono ancora visibili le tombe terragne del pavimento - tutte convergenti verso quella del patrono San Vigilio - la decorazione musiva posta in prossimità del recinto presbiterale, alcuni lacerti dei plutei scolpiti, le lastre tombali di coloro che qui furono sepolti. Al centro della vasta aula è posta la celebre “arca di San Vigilio” (XI-XII secolo), una particolare tipologia di monumento funebre che in passato accolse le spoglie del patrono della città.

Indirizzo
Accesso dal Duomo (area presbiteriale sul lato nord dell'altare maggiore)
Informazioni

Orari d'apertura:

lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato: 10.00-12.00 / 14.30-17.30

domenica: 14.30-17.30

Chiuso il martedì'.

L'accesso alla basilica può subire modifiche dovute alle esigenze liturgiche della cattedrale.

Sono a disposizione video, postazioni multimediali e visori per la realtà virtuale immersiva per arricchire l'esperienza del visitatore rendendola più coinvolgente, più chiara e ad alto tasso di tecnologia. Guarda il video di presentazione.

Informazioni utili per soggetti diversamente abili

Due parcheggi riservati alle persone con disabilità a circa 110 metri in via Maffei, altro stallo riservato a 200 metri in via Verdi.

La cattedrale è visitabile e le navate sono percorribili; accesso all’altare è con 10 gradini di 18 cm (5 dei quali per raggiungere la zona leggio).

Dall’interno della cattedrale si può accedere con una serie di gradini alla basilica paleocristiana.

Portone d’ingresso largo 140 cm (maniglia alta 127 cm, forza necessaria per l’apertura 2 kg).

Rampa interna (dopo il portone d’ingresso) lunga 66 cm con pendenza del 16%.

Collocazione geografica

Come arrivare

Tipologia di luogo

Immagini

Martedì, 30 Settembre 2014 - Ultima modifica: Martedì, 02 Luglio 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl