Detto anche Palazzo del Diavolo, da una leggenda citata da J. W. Goethe nel 1786 che narra che il palazzo venne costruito dal diavolo stesso in un giorno solo, sorse nel 1602 per volere di Georg Fugger, discendente dalla potente famiglia dei banchieri di Augusta e marito della nobile trentina Elena Madruzzo.

Fu eretto, in un severo e solenne stile classico, su disegno dell'architetto bresciano Pietro Maria Bagnadore (1550-1619) e in seguito acquistato dal maresciallo imperiale Mattia Galasso. L’annessa cappella, dedicata ai Martiri Anauniensi, fu eretta nel 1607 dallo stesso Bagnadore, che ne eseguì anche la decorazione pittorica, mentre i pregevoli stucchi si devono al comasco Davide Reti. E' visitabile solo il cortile interno.

Indirizzo
Via Manci 5, 38122 Trento
Informazioni

Informazioni utili per soggetti diversamente abili:

Un parcheggio riservato alle persone con disabilità a 10 metri sulla stessa via. Il Palazzo è sede di abitazioni private e studi professionali. Le facciate e il pozzo sono visibili dal cortile interno (pavimentazione con ciottoli), unica parte visitabile del Palazzo. Portone d’ingresso (sempre aperto) largo 95 cm. Rampa interna (dopo il portone d’ingresso) lunga 38 cm, pendenza del 21%.

Collocazione geografica

Come arrivare

Tipologia di luogo

Immagini

Martedì, 30 Settembre 2014 - Ultima modifica: Mercoledì, 31 Luglio 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl