Trento informa - puntata 11 gennaio 2019

Il lido Manazzon si rifà il look, pronto il progetto generale di recupero dell'area ex Atesina mentre prosegue l'iter di riqualificazione di piazza della Mostra, una nuova sede per l'Azienda forestale.

Nuovo look per il lido Manazzon

In attesa del nuovo centro natatorio coperto nella zona delle Ghiaie, cambia volto il lido esterno della piscina Manazzon.

L'intento è duplice ed è legato al ripensamento complessivo dei centri natatori del capoluogo e alla necessità di adeguarsi alle esigenze degli utenti di tutte le età. Per questo il lido esterno di via Fogazzaro vedrà potenziate tutte le attività legate al divertimento dei bambini e ragazzi, allo sport e al wellness.

Giuliano Franzoi - Dirigente Servizio Edilizia Comune di Trento: Verranno realizzati tre scivoli con un'altezza di nove metri a spirale che scenderanno nella piscina da venticinque metri più uno scivolo rettilineo a tre corsie con finale in un river. Oltre a questi giochi di scuro impatto verrà poi attrezzata la piscina da venticinque metri con un'ulteriore caratteristica che è quella del moto ondoso, cioè ci saranno dei ventoloni che andranno a produrre delle onde artificiali sempre legate alla parte ludica all'interno della piscina da venticinque metri.

Nella piscina baby è previsto uno spray park, con spruzzi d'acqua. Nella zona vicina alle arcate della ferrovia ci saranno spazi per la ginnastica, tavoli da ping pong e un campo da beach volley. I servizi igienici verranno implementati.

È stato approvato il progetto preliminare e stanziato un milione e 640 mila euro. I lavori partiranno dopo l'estate per concludersi in occasione della riapertura estiva del 2020.

Tanto verde all'ex Atesina

I 17mila metri quadrati che fino a pochi anni fa ospitavano il deposito di autobus e corriere del trasporto pubblico sono sempre stati un corpo a sè stante nel cuore dei Solteri. Adesso il Comune intende aprire quegli spazi al quartiere, abbattendo parte dei capannoni con la creazione di un'area verde, una piazza coperta, percorsi ciclopedonali e luoghi dedicati allo sport e alle associazioni sportive.

In attesa del fondamentale passaggio di proprietà dalla Provincia al Municipio, il Comune ha dato il via libera al progetto generale e ad un primo stanziamento di tre milioni di euro che, con i lavori che partiranno nel 2020, consentirà di rendere l'area verde e la piazza coperta fruibili al pubblico.

Il costo complessivo dell'intervento è stimato attorno ai 9 milioni di euro. L'opera si inserisce in una più generale riqualificazione della zona di Trento Nord.

Piazza Mostra: l'iter prosegue

Inizieranno nel 2020 i lavori di riqualificazione di piazza Mostra a Trento. L'obiettivo del Comune è quello di valorizzare uno spazio che nel corso degli anni ha visto perdere la propria centralità sociale, economica e culturale diventando un anonimo parcheggio all'ombra del Castello del Buonconsiglio.

L'iter partito nel 2016 con un concorso di progettazione ha portato alla selezione del progetto preliminare vincitore, firmato dall'architetto Michele Andreatta, che punta a ricucire la distanza fra il castello e la città. Il Comune ha voluto un processo partecipato. Per questo sono previste delle assemblee con la cittadinanza; per questo al progetto iniziale sono state apportate delle modifiche, pur non sostanziali, richieste dalla conferenza dei servizi comunali e dalla Soprintendenza per i beni culturali.

Il piano prevede tre spazi principali a tre quote diverse con il mantenimento di una ventina di posti auto. Ci saranno meno ferro e cemento, la scalinata davanti all'ex questura diventerà una discesa degradante, l'accesso al castello sarà sbarrierato.

L'intervento sarà in due lotti indipendenti visto che non sarà possibile chiudere al traffico via Clesio. Per il 2019 il Comune ha fissato uno stanziamento di 630mila euro, su un totale previsto di 1 milione e 100mila euro.

L’Azienda forestale si concentra a Maso Smalz

Cambio di indirizzo per la sede operativa dell'Azienda forestale Trento Sopramonte. Attualmente si trova in affitto in via Maccani, all'interno di un complesso industriale dismesso che ormai non risponde più alle esigenze del lavoro anche dal punto di vista della sicurezza. Le attività verranno trasferite nella zona di Maso Smalz, nella parte sud della città, nelle aree adiacenti le sedi dell'ufficio Parchi e giardini del Comune di Trento e della stessa Azienda forestale. L'ingresso sarà da via Ghiaie.

L'intervento sarà realizzato in gran parte negli attuali piazzali in gestione all'ufficio Parchi e giardini occupati da depositi temporanei di materiali. La struttura in legno con fondazioni in calcestruzzo sarà realizzata nel 2020. Gli spazi più ampi permetteranno di separare l'officina e la falegnameria, adeguare gli spogliatoi e conservare meglio i mezzi.

La spesa prevista è di 836mila euro con un risparmio di 50mila euro all'anno di affitto della precedente sede.
In chiusura vi ricordiamo che potrete rivedere questa puntata sul sito del Comune di Trento e su quello di Rttr La Televisione.

Durata
5'07''

Venerdì, 11 Gennaio 2019

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2019 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl