ATTIVITA' SOCIALI

Informazioni di contatto, orario per il pubblico, competenze, personale assegnato e altre informazioni utili

Contatti

Orario per il pubblico:
  • lunedì - martedì- mercoledì - venerdì 8.30 - 12.00
  • giovedì 8.00 - 16.00
Riferimenti utili:
Telefono segreteria:
0461-884477
Fax:
0461-884497
Indirizzo:
VIA V. ALFIERI, 6
CAP:
38122
Posizione GPS:

Come arrivare

Personale

Competenze

Cura lo studio delle politiche sociali e rileva le condizioni di disagio e le situazioni di marginalità sociale. Collabora nella definizione delle politiche relative alle nuove e vecchie povertà, con particolare riguardo a quelle concernenti la condizione giovanile, degli anziani, delle famiglie in difficoltà ed i complessi fenomeni ad essi attinenti. Provvede inoltre alla mappatura ed allo studio dei bisogni e delle risorse pubbliche e private.

Coordina l'associazionismo volontario in funzione dello sviluppo della solidarietà di rete.

Gestisce gli interventi secondo il metodo dell'integrazione e della collaborazione con altri comparti del settore socio-assistenziale e sanitario ed in particolare con: Sanità, Istruzione e Lavoro; cura i collegamenti con altri Enti pubblici e gli Organismi di privato sociale e di volontariato. Stipula e gestisce convenzioni con il privato sociale.

Gestisce interventi istituzionalmente assegnati al Comune ed in particolare: i ricoveri in strutture tutelari residenziali di portatori di handicap; gli interventi relativi all'assistenza di base, alla promozione e alla prevenzione, con particolare riferimento ai Circoli Anziani e al sostegno di iniziative socio – assistenziali e socio – culturali; gli interventi di prevenzione e di assistenza nei confronti dell'emarginazione adulta, per quanto di competenza locale.

Gestisce inoltre, nell'ambito delle competenze riservate dalle disposizioni nazionali e provinciali e secondo le priorità individuate dalla pianificazione sociale:

  1. interventi di prevenzione e promozione sociale;
  2. interventi di aiuto e sostegno alla persona, al nucleo familiare e a gruppi;
  3. interventi integrativi e sostitutivi di funzioni proprie del nucleo familiare;
  4. interventi a carattere residenziale.

Gli interventi di prevenzione e promozione sono finalizzati, in particolare, ad attivare e valorizzare le risorse personali, interpersonali e comunitarie a sostegno degli individui, delle famiglie e della comunità (vi rientrano, ad esempio, le attività informative, la realizzazione di progetti di educazione sociale da realizzarsi in collaborazione con le strutture preposte alla sanità, all'istruzione e al lavoro, progetti di prevenzione territoriale).

Gli interventi di aiuto e sostegno riguardano il servizio sociale professionale (attività di sostegno  sociale, segretariato sociale, mediazione familiare, interventi di tutela ordinari e o urgenti, attivazione di servizi con invii, relazioni, progetti ecc.) e l'assistenza economica (attraverso l'erogazione di contributi di competenza locale come, ad esempio, i sussidi straordinari o il reddito di garanzia sociale).

Gli interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare hanno lo scopo di aiutare e sostenere la famiglia per garantire la permanenza della persona nel proprio ambiente di vita; riguardano gli interventi di assistenza domiciliare, (consegna pasti a domicilio, telesoccorso e telecontrollo, ecc.), i servizi a carattere semiresidenziale (centri di servizio per anziani, centri aperti per minori, centri socio-educativi, centri occupazionali), l'affidamento familiare di minori, l'accoglienza presso famiglie o singoli.

Gli interventi a carattere residenziale hanno lo scopo di sostituire funzioni proprie del nucleo familiare. Sono integralmente di competenza locale gli interventi residenziali per disabili e adulti, mentre gli interventi residenziali per minori sono attualmente proposti dal servizio sociale locale e finanziati a livello provinciale.
Nell'ambito delle competenze sopra indicate, gestisce le funzioni amministrative e i servizi trasferiti dalla Provincia, ai sensi della legge provinciale n. 3/2006, in materia di assistenza e beneficenza pubblica, compresi i servizi socio-assistenziali nonché il volontariato sociale per i servizi da gestire in forma associata, ed esclusi gli accreditamenti di enti e strutture e le attività di livello provinciale identificate d'intesa con il Consiglio delle Autonomie Locali. Tale gestione avviene in forma associata con i Comuni di Trento, Aldeno, Cimone e Garniga Terme ai sensi della relativa convenzione.

Cura la costruzione e l'attuazione del processo di pianificazione sociale, secondo le linee guida provinciali, e di altre funzioni di pianificazione sociale definite dall'Amministrazione, anche curando il coordinamento con le altre strutture organizzative dell'Ente e la collaborazione con gli altri Enti coinvolti (Pat. Apss in particolare per le funzioni di integrazione socio sanitaria).

Definisce, in attuazione del Piano sociale e degli altri indirizzi dell'Amministrazione, le priorità di azione, con particolare attenzione alla compatibilità fra disponibilità e andamento delle risorse e livelli di servizio al cittadino.

Segue e coordina le attività di valutazione delle funzioni e delle spese per gli interventi socio-assistenziali.

Assicura la valutazione dei bisogni formativi del personale del Servizio e cura il piano di formazione interno, con particolare attenzione all'auto formazione e alle scelte formative trasversali e promuove l'aggiornamento del sistema informativo socio-assistenziale.

Posizione nell'organigramma

Martedì, 01 Luglio 1997 - Ultima modifica: Venerdì, 13 Gennaio 2017

Aiutaci a migliorare questa pagina

© 2017 Comune di Trento powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl